Un mazzo profumato

Marzo 06, 2019

mazzo di fiori profumato

Il linguaggio dei fiori, conosciuto anche come florigrafia, fu un modo di comunicazione  piuttosto sviluppato nell’Ottocento, per cui i fiori  e gli allestimenti floreali venivano utilizzati per esprimere sensazioni che non sempre potevano essere pronunciate.
Da allora ad oggi, le “connessioni” tra le persone sono nettamente cambiate, sono più veloci, immediate e dirette. Nonostante ciò, la magia dei fiori non ha smesso di affascinare.
Possiamo dire che ogni petalo, ogni foglia e ogni bocciolo sono in grado di esprimere un messaggio, ma esiste un’altra caratteristica altrettanto importante. Il profumo. Etereo e sublime, influisce positivamente sul nostro umore. Oltre all'aromaterapia che conferisce alle fragranze proprietà stimolanti, calmanti e antinfiammatorie, un recente studio dell’università di Tokio, associa ai profumi floreali benefici antistress.

mazzo di fiori con fresia e ginestra

Il fascino di un fiore è nelle sue contraddizioni – così delicato nella forma ma forte nel profumo, così piccolo in dimensioni ma grande nella bellezza, così breve la sua vita ma con un’intensità così lunga.
Nel bouquet di questa settimana, Fresia, Ginestra, Ranuncoli pon pon, Wax e Popolus.
Fresia. I suoi fiori sono campanulati e profumatissimi, e si può presentare di vari colori quasi sempre maculati di giallo. Ama i climi temperati e la fioritura in pieno campo avviene verso la fine di febbraio. Viene coltivata e commercializzata specialmente in Liguria.
Ginestra o “fiore del deserto” nella lirica di Leopardi, è una pianta, cespugliosa e robusta. La sua è una “coraggiosa e fragile resistenza” e  “odorosa” grazie alla profumazione intensa dei suoi fiori
Wax che strofinato emette un delicato profumo che ricorda il caramello.


Ricorda che prenderti cura dei  tuoi fiori influisce sulla durata del tuo bouquet. Dovrai cambiare l'acqua e pulire il vaso almeno ogni tre giorni o quando l'acqua appare torbida. È l'occasione perfetta per riorganizzare i tuoi fiori, tagliando nuovamente un pezzetto i gambi.

Il mazzo di FioreUrbano ti arriva legato e pronto da mettere nel vaso per cui puoi tagliare i gambi lasciandolo legato o slegarlo e divertirti a riorganizzare i fiori.
Lava bene il vaso e riempilo per un terzo di acqua, distendi gli steli del mazzo dividendoli dai più alti ai più corti, con gli steli del Wax inizia ad organizzare il tuo mazzo incrociandoli.
A questo punto aggiungi il resto a tua fantasia, girando sempre il vaso in modo da avere uno sguardo d’insieme e mantenere armonia nella composizione.

fresia

Ci piace usare la fresia anche da sola, per far risaltare la sua forma, mettendola in un vaso stretto e alto o anche una bottiglia.
Dopo qualche giorno togli le campanule appassite per incoraggiare l'apertura delle altre.
 

Cura i tuoi fiori con la musica giusta

 Il brano scelto per te questa settimana è

Scarica la Playlist che abbiamo creato per te su Spotify

 






Gli altri articoli

fuoriorticola2019
FuoriOrticola2019

Maggio 19, 2019

Far fiorire le vetrine per “far rifiorire la città” e porre l’attenzione su quanto è più bella Milano più verde, più colorata, più profumata.
Quest'anno siamo state coinvolte nell'iniziativa FuoriOrticola all'interno della mostra mercato Orticola che si tiene ai Giardini Montanelli a Milano da ormai 24 anni e organizzato da l'Associazione Orticola Lombardia.

Continua

fiordaliso
Mojito al Fiordaliso

Maggio 08, 2019

Questa settimana un bouquet di fiori di campo. Con i Fiordalisi, Spighe, Margherite, Statice, Menta, Asparagus e Ruscus.
Il Fiordaliso cresce prevalentemente nei i campi di cereali ma lo si può trovare anche nei prati, nei terreni incolti e ai bordi delle strade. Al giorno d’oggi in Europa la pianta allo stato spontaneo è a rischio estinzione. Il motivo è da ricercare nei suoi habitat ideali, ovvero i prati e soprattutto i campi di grano, dove oramai i diserbanti chimici usati per la coltivazione, fanno da padroni.

Continua

Calla
Il verde dello stelo si allunga in un cornetto

Aprile 30, 2019

Calla è il nome che Linneo diede all’elegante fiore bianco, ispirandosi al vocabolo greco ‘Kallos’, che vuol dire bello. Zantedeschia si chiama ormai il bellissimo imbuto rigido e di forma purissima che si apre sul gambo robusto e alto, in onore di Francesco Zantedeschi, fisico e botanico italiano nato nel  1794.

Continua