Quel fiore per il mio "moretto"

aprile 10, 2019

narciso

Un’elegante e bella signora incontrata alla manifestazione Floralia in Piazza San Marco ci ha raccontato che i milanesi partivano in treno in primavera per fare la narcisata.

Le narcisate erano di grande popolarità negli anni Trenta e Quaranta, e anche nel dopoguerra, erano un pretesto per una gita fuori porta.
Le ferrovie Nord organizzavano treni speciali verso le belle Prealpi e il lago di Como, oppure si andava con il torpedone, dove le ultime file erano riservate alle coppiette.

Immensi prati con distese di narcisi selvatici, da cogliere per fare un bel mazzetto “che lo voglio dare al mio moretto questa sera quando vien”

Oggi il narciso è un fiore protetto, attenzione  raccoglierlo è vietato.

 

narciso

 

Ma noi abbiamo portato ai milanesi il Narciso Poeticus, quegli antichi  narcisi delle nostre montagne, timidi d’aspetto e profumati, coltivati da Davide de Il Giardino del Loto a Cornaredo.

Con i Narcisi, due varietà di Tulipani molto speciali colti da Olga nella sua Flower Farm , poi Spirea, Limonium ed Eucalipto.

 I narcisi non durano a lungo recisi, solo 4/5 giorni, ma non potevano mancare per dare al mazzo anima e profumo. Ricordano quei fiori che disegnavamo da piccoli. Quando inizieranno ad appassire, toglieteli dal mazzo e potrete, se vorrete, seccarli legandoli a testa in giù.

Slegate il mazzo e riarrangiate Eucalipto e Tulipani, che hanno durata più lunga. Prendete un vaso a bocca più stretta, riempitelo 1/3 e tagliate i gambi in obliquo di 1 cm circa. Disponete l'eucalipto a raggiera, poi i tulipani più chiari e più corti, infine, infilate al centro quei fieri tulipani scuri, et voilà, il mazzo prende nuova vita.

quel bel mazzetto






Gli altri articoli

R-estate creativi!
R-estate creativi!

luglio 22, 2020

Continua

Ogni giorno è la festa della Mamma
Ogni giorno è la festa della Mamma

maggio 18, 2020

Continua

Viva le donne!
Viva le donne!

marzo 05, 2020

Che senso ha dedicare una festa alla donna, che di fatto la pone in uno stato di implicita inferiorità? Che senso ha annacquare la forza delle donne all'interno di una banale giornata, quando, ogni giorno, sì, ogni giorno, dobbiamo ancora lottare per il riconoscimento dei nostri diritti, dei nostri risultati, delle nostre fatiche? E allora facciamo una bella cosa, facciamo noi un regalo a qualcuno, oppure facciamolo a noi stesse

Continua

Benvenuto nel nostro mondo

Lasciaci il tuo indirizzo mail, riceverai uno sconto del 15% per provare il nostro servizio.