Mojito al Fiordaliso

Maggio 08, 2019

fiordaliso

Questa settimana un bouquet di fiori di campo. Con i Fiordalisi, Spighe, Margherite, Statice, Menta, Asparagus e Ruscus.

Esiste una legenda, più storica che mitologica, riguardante il fiore di fiordaliso ed è legata allo stemma araldico del regno di Guglielmo I, re di Germania, vissuto al tempo di Napoleone. Narra la leggenda che Guglielmo I, fuggendo da una battaglia, giunse in un campo di grano, dove trovò sua madre che, per calmare i bambini che erano con lei, intrecciava piccoli mazzi di fiordalisi. Al suo ritorno a corte adottò, quindi, il fiordaliso come stemma. 

fiordaliso

il Fiordaliso cresce prevalentemente nei i campi di cereali ma lo si può trovare anche nei prati, nei terreni incolti e ai bordi delle strade. 

Nonostante abbia origini antichissime, dimostrate da alcuni che risalgono all’era neolitica, al giorno d’oggi in Europa la pianta allo stato spontaneo è a rischio estinzione. Il motivo è da ricercare nei suoi habitat ideali, ovvero i prati e soprattutto i campi di grano, dove oramai i diserbanti chimici usati per la coltivazione, fanno da padroni.

Il fiordaliso si chiama Cornflower in inglese, fiore del grano, è conosciuto in Francia con il nome di fleur de lys, ovvero fiore di giglio, ed è popolarmente detto anche bluet. In Spagna viene chiamato azulejo, aciano o aldina mentre in Germania è chiamato kornblume. Il suo nome scientifico è Cyanus segetum.

Una sua denominazione comune in diversi stati del mondo è ciano, termine che deriva dalla parola greca κύανοςche significa azzurro, tale nome deve il suo uso e la sua fama al fatto che fosse in nome con cui lo chiamavano numerosi poeti e letterati. 

 Nel linguaggio dei fiori significa felicità e leggerezza. 

mazzo fioreurbano

Il mazzo FioreUrbano  arriva legato e pronto da mettere nel vaso ma puoi decidere di risistemarlo  con la tua fantasia.

La freschezza dei fiori inizia con un vaso perfettamente pulito.
Lava il vaso anche con una goccia di candeggina che  è il miglior agente per uccidere i batteri, il che significa fiori più duraturi, niente gambi marci e acqua dall'aspetto più pulito. Quindi acqua fresca e pulita  per ⅓ del tuo vaso, da cambiare  almeno ogni 2-3 giorni.

Quando cambi l'acqua  taglia circa un centimetro del gambo in diagonale.
Lo stelo serve ai tuoi fiori per assorbire acqua e sostanze nutritive, quindi non strappare, schiacciare o lasciare steli sfilacciati.
Gli steli tagliati correttamente possono regalare ai tuoi fiori giorni di freschezza in più! 

Trova il posto perfetto!
I fiori hanno bisogno di un luogo fresco senza correnti d'aria, lontano dai caloriferi e dalla frutta matura, evitando il sole  diretto per tutto il giorno.






Gli altri articoli

fuoriorticola2019
FuoriOrticola2019

Maggio 19, 2019

Far fiorire le vetrine per “far rifiorire la città” e porre l’attenzione su quanto è più bella Milano più verde, più colorata, più profumata.
Quest'anno siamo state coinvolte nell'iniziativa FuoriOrticola all'interno della mostra mercato Orticola che si tiene ai Giardini Montanelli a Milano da ormai 24 anni e organizzato da l'Associazione Orticola Lombardia.

Continua

Calla
Il verde dello stelo si allunga in un cornetto

Aprile 30, 2019

Calla è il nome che Linneo diede all’elegante fiore bianco, ispirandosi al vocabolo greco ‘Kallos’, che vuol dire bello. Zantedeschia si chiama ormai il bellissimo imbuto rigido e di forma purissima che si apre sul gambo robusto e alto, in onore di Francesco Zantedeschi, fisico e botanico italiano nato nel  1794.

Continua

viburno
La danza delle forme

Aprile 17, 2019

Viburno e 3 diverse varietà di Tulipani per salutare la Pasqua. Hanno toni delicati e forme che cambieranno con il passare dei giorni e sarà uno spettacolo fermarsi un attimo ad osservare come la natura dipinge i suoi doni più belli

Continua